[Recensione] Prima della Storia: Preistoria!

Ci sono diversi podcast ad argomento storico ma sulla preistoria c'è il vuoto. Ora non più.

E’ un’idea bellissima parlare di Preistoria, ancor più bella se la nostra cara Europa ne è il focus.

Greta Antoniutti, la poliedrica autrice di questo e altri due podcast europei, ha fatto suo in maniera esemplare il concetto di nicchia.

L’argomento storia ultimamente ha preso particolarmente piede, con tre o quattro produzioni di alto livello: penso a Storia d’Italia, a Bar Storia, a Bistory e  naturalmente a quelli con protagonista (suo malgrado 😃) Alessandro Barbero.

L’Europa preistorica non se l’è mai filata nessuno, neppure a scuola, figurati in podcast. 

Ed ecco che Greta cala l’asso con “Storia d’Europa”, che è il racconto cronologico della storia del continente europeo dalla preistoria ai nostri giorni.

Storia d’Europa è parte del progetto Europa Grand Tour, che ha pure un podcast omonimo on line dal 2019 dedicato al vivere, viaggiare e conoscere l’Europa. 

Esaurite le presentazioni di rito, vado alla polpa.

Ho ascoltato le puntate disponibili tutte assieme, come si fa con le serie TV 😃, in una notte di tempesta. 

In verità pioveva appena,  ma si sa che in letteratura si possono avere delle licenze.

Ho subito avuto una buona sensazione: già dall'introduzione Greta mi è piaciuta. Precisa, sicura e con un chiaro obiettivo nonché molto affine alla mia concezione del minimalismo digitale - con pochi riferimenti Social.

Non cercarla su Internet: Greta Antoniutti come persona non esiste, ha solo profili “istituzionali” e i riferimenti ai suoi ebook di viaggio.

Per sapere qualcosa su di lei vai sul sito di riferimento europagrandtour.

Avevo ascoltato qualche puntata del suo primo podcast sull’Europa, ma non viaggio e di conseguenza fa parte di quei podcast che non sento spesso.

Ha la mia stima comunque perché ho scoperto un paio di episodi intervista a due podcaster che mi piacciono moltissimo.


La prima è la  "voce" femminile più bella dei podcaster italiani indipendenti: Lucia Ferrari di VIVI podcast.

La seconda è Giulia Depentor che che con il suo Camposanto podcast ha uno storytelling di grande livello per un tema originalissimo.


Tornando al Podcast, ti ho già detto che mi è piaciuto ma non il perché.

Storia d'Europa è una serie da ascoltare settimana per settimana, alla pari di Storia d'Italia di cui Greta è una fan - tanto che lo cita nell'introduzione - così facendo riuscirai finalmente a conoscere la preistoria del vecchio continente e i tuoi antenati.

È uno dei rari casi in cui lo storytelling - inteso come comunicazione persuasiva - è ininfluente.

Basta il racconto delle origini umane, dell'età della pietra, di quando l’Europa inizia ad essere abitata dai primi ominidi circa 1 milione di anni fa, per pèroseguire l’ascolto senza soluzione di continuità.

Come autrice Greta non lascia spazio a dubbi o inesattezze. Cita testi e fonti autorevoli sulle quali ha studiato per il podcast, che puoi trovare nel sito

Non è certo tenera con le inesattezze o le approssimazioni, ma sempre in modo ironico e simpatico.

Per scrivere di podcast uso ascoltare degli episodi di una serie prendendo appunti. In questo podcast ho sottolineato “voce”.

La voce di Greta è piacevole, a tratti con una lieve inflessione forse Piemontese, che dà alla conduzione un tratto caratteristico. 

Trovo sia una voce dal tono fermo, molto scientifica, quasi didascalica. Questo imprime  autorevolezza alla sua narrazione e rassicura l'ascoltatore: ho percepito verità nel podcast.

Ovviamente ascolterò tutte le puntate seguenti per l'argomento, e non solo per la voce.

Come direbbe Catalano,  sentire una voce piacevole e un buon racconto e meglio di una litania sconclusionata.

E credo che per Storia d'Europa sia tutto.

Come sempre Buon Ascolto!